//“Trova il Tempo”: Il cd per sostenere la ricerca scientifica

“Trova il Tempo”: Il cd per sostenere la ricerca scientifica

Donazione di  12,00

    CONTRIBUTO SPEDIZIONE: per ordine inferiore ai €25,00 è richiesto un contributo spedizione di €10,00; per ordini superiori a €25,00 spedizione gratuita.

 

COD: A0173 Categoria:

Descrizione

Un cd per sostenere la ricerca scientifica e contribuire alla lotta al Neuroblastoma

Il Coro “Mont Rose” di Pont-Saint-Martin ha realizzato, in occasione del 40° anno di attività canora, un CD musicale
dedicato al proprio vasto repertorio.
I dieci brani contenuti spaziano da canti tradizionali di montagna, ad arrangiamenti e nuove interpretazioni tra musica e poesia di alcuni celebri brani d’autore (da Cohen agli U2).
Non si tratta di un semplice CD commemorativo ma un’occasione speciale per fare del bene. Il ricavato dalla vendita del CD verrà infatti devoluto all’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma ONLUS per sostenere i progetti di ricerca scientifica su Neuroblastoma e Tumori Cerebrali Pediatrici.

Regala speranza

La sfida continua… per il 2020 vogliamo finanziare progetti innovativi per proseguire nel nostro impegno e fare ulteriori passi verso la cura per il Neuroblastoma e per i Tumori Cerebrali Pediatrici.

Cosa sostieni scegliendo i regali solidali?

Scegliendo questo CD si potrà sostenere l’importante progetto di ricerca:
Valutazione di molecole che inibiscono il MYCN network per lo sviluppo di nuovi
farmaci per il Neuroblastoma”.
La ricerca è condotta, presso i laboratori dell’Istituto Ce-Si dell’Università D’Annunzio di Chieti-Pescara, dall’equipe del professor Arturo Sala, ordinario di Oncologia Translazionale presso la Brunel University London. Focus del progetto, che vuole migliorare le probabilità di sopravvivenza dei bambini con il Neuroblastoma metastatico ad alto rischio, è trovare un inibitore del gene killer chiamato MYCN.
MYCN è la codifica di una proteina presente nelle cellule del sistema nervoso in fase di sviluppo durante la vita
embrionale, assente però dopo la nascita. Nei casi di neoplasie pediatriche, come il Neuroblastoma e il Medulloblastoma, invece MYCN è molto elevata anche dopo la nascita e questo fatto causa una particolare aggressività del tumore e una forte resistenza alla terapia. Nei laboratori di Chieti si cerca d individuare farmaci che possano contrastare gli effetti di MYCN e lo si sta facendo attraverso uno screening per identificare farmaci già in uso per altri scopi. Questo permetterebbe di averli immediatamente utilizzabili, senza dover passare attraverso trial clinici per valutarne la tossicità. In particolare l’equipe è ora concentrata sullo studio di un particolare farmaco, già in commercio e molto conosciuto: il Prozac. Questo farmaco, molto usato in casi di psicosi e depressione, da esperimenti condotti su cellule di Neuroblastoma, coltivate in vitro ha dimostrato di avere un effetto antitumorale. Se i prossimi risultati della sperimentazione saranno incoraggianti, il Prozac potrà essere raccomandato per limitare la recidiva della malattia in bambini a rischio di ricaduta dopo il trattamento con farmaci chemioterapici.

Grazie a te un giorno potremo dire tutti insieme #stopneuroblastoma 

I “Ricercatori del bambino con l’imbuto”, simbolo dell’Associazione, sono gli unici a poter dare una reale speranza di vita ai bambini malati, scoprendo cure efficaci e nuovi farmaci.

La ricerca prosegue grazie a tutti voi che ci sostenete. I risultati sino ad oggi ottenuti infatti sono tanti e ci fanno sperare in un futuro in cui riusciremo a guarire tutti i bambini ammalati.

Ecco alcuni dei risultati raggiunti:

  • L’ampissima conoscenza biologico molecolare del Neuroblastoma.
  • L’implementazione del Registro Neuroblastoma e la successiva analisi della casistica, fondamentale per formulare protocolli di cura.
  • Realizzazione della piattaforma per i dati del Registro Italiano per portare avanti lo “Studio prospettico italiano per i tumori neuroblastici in età pediatrica” in collaborazione col CINECA.
  • Diagnostica d’eccellenza e tempestiva e ricerca di nuovi marcatori diagnostici.
  • Studio di protocolli di cura sui casi meno aggressivi.
  • Approcci terapeutici mirati: abbiamo individuato che è possibile studiare l’effetto della terapia sul bambini in tempo reale (e non dopo 6-8 mesi di cure) attraverso gli Esosomi. Gli Esosomi sono particelle del sangue prelevate dopo 3-4 giorni di infusione,  il cui studio ci  consente di stabilire se la cura ha un buon effetto oppure se deve essere modificata in itinere.

Tanto abbiamo fatto, ma tanto ancora resta da fare, per poter un giorno dire #stopneuroblastoma.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.