ANB Onlus - Noi Ci Mettiamo, la ricerca

ANB in sintesi

Il Neuroblastoma è un grave tumore dell’infanzia, con origine nel sistema nervoso simpatico; colpisce ogni anno in Italia circa 130 bambini. Con i Tumori Cerebrali, è la 1a causa di morte in età prescolare. È subdolo e aggressivo, spesso quando si giunge alla diagnosi presenta già metastasi a scheletro e midollo.

L’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma O.N.L.U.S. (l’Associazione del Bambino con l’imbuto) è nata nel 1993, grazie a un gruppo di genitori e agli oncologi, che ne curavano i figli, all’Istituto G. Gaslini di Genova, che la riconosce come unico interlocutore per la ricerca sulla patologia. Ha destinato alla ricerca, attraverso l’omonima Fondazione, oltre 20 Mil di euro – il 75% per contratti a ricercatori – tutti raccolti da donazioni di privati e aziende.

L’Associazione è Socio Aderente all’Istituto Italiano della Donazione (IID).

Grazie al suo impegno si sono fatti molti passi avanti nella comprensione biologica della malattia e dei meccanismi che la generano e si sono garantiti corretta diagnosi e protocolli di cura moderni e personalizzati. È stata creata una rete nazionale di eccellenze scientifiche, impegnate sul Neuroblastoma nelle diverse aree (biologia, biologia molecolare, genomica, immunoterapia, farmaci innovativi), che collaborano al 1° programma di sviluppo dell’attività clinico-biologica e ricerca traslazionale.

Oggi, nonostante i progressi dell’oncologia pediatrica, nei casi di Neuroblastoma 4° stadio, la forma più aggressiva e diffusa, la percentuale di sopravvivenza non supera il 30%. E questo non ci basta!!!

Per approfondimenti sull’impegno dell’Associazione e informazioni complete su tutte le aree di attività visita il sito istituzionale.

Palazzo della Ricerca - Padova

I nostri risultati

  • 20 milioni di euro destinati alla ricerca scientifica
  • 14 milioni di euro destinati ai ricercatori
  • 35 ricercatori ogni anno dedicati alla ricerca sul Neuroblastoma
  • 8 centri di eccellenza finanziati in Italia
  • 150.000 Euro all’anno destinati alla BIOBANCA per studiare la caratterizzazione dei tumori
  • 98.000 Euro all’anno destinati a Pediatri oncologi per la somministrazione di farmaci
  • 92.000 Euro all’anno destinati agli studi clinici
  • 170.000 Euro all’anno destinati alla diagnostica avanzata